Blog OS Stefanelli

Il mio bambino non cambia i dentini da latte e digrigna la notte,devo preoccuparmi?

Oggi vediamo molto frequentemente bambini che hanno ritardi di permuta (perdono tardi i dentini da latte ), con denti poco o niente consumati e mamme che si preoccupano perché il bambino digrigna i denti soprattutto la notte. Evidentemente, l’alimentazione “civilizzata”, pur soddisfacendo i bisogni calorici del bambino, non eccita la funzione poiché essa comporta l’abitudine di masticare con semplici movimenti di apertura e chiusura, senza movimenti di lateralità. La mancanza di movimenti laterali non stimola il parodonto e ciò, associato alle deboli forze muscolari utilizzate per masticare cibo molle, fa si che non si sviluppino adeguatamente quelle linee di forza necessarie all’eruzione dentale. In definitiva, non si avrà una risposta di crescita sufficiente, ma piuttosto un iposviluppo dell’intero sistema con la conseguenza più evidente dell’affollamento dentale, in quanto la dentatura secondaria non avrà a disposizione lo spazio necessario alla sua eruzione e al suo corretto allineamento. Molto spesso il bambino, per svariati motivi, inizia a masticare preferenzialmente da un solo lato della bocca, con l’effetto di “sbilanciare” i movimenti laterali della mandibola e di provocare un morso crociato dal lato di masticazione abituale. Ciò è molto dannoso, non solo per il corretto sviluppo cranio facciale ma anche per quello della colonna vertebrale. L’instaurarsi di una deviazione mandibolare e/o di un morso crociato  esige infatti un compenso adattativo della posizione della testa e quindi degli occhi, dei recettori dell’orecchio e di quelli cervicali. A loro volta si dovranno adattare le spalle, la colonna vertebrale, il bacino con comparsa di arti inferiore di diversa lunghezza. In definitiva si può verificare una distorsione di tutto l’assetto posturale. Studi recenti hanno messo in relazione i morsi crociati dentali e ipoacusia ( riduzione di udito) nei piccoli pazienti. Solo una bilanciata ed efficiente masticazione bilaterale alternata può fornire gli stimoli funzionali adeguati a una fisiologica risposta di sviluppo. E’ perciò molto importante che il pediatra e i pedodonzista ( il dentista dei bambini ) individuino i morsi crociati e il pattern disfunzionale masticatorio ed inviino al più presto il piccolo paziente allo specialista in ortodonzia infantile.