Il bruxismo è definito come un’attività motoria involontaria, caratterizzata da serramento e digrignamento dei denti durante la notte, abitualmente associata a microrisvegli e accompagnata generalmente da rumori dovuti allo sfregamento dei denti.

I differenti casi di bruxismo

Il bruxismo notturno è sicuramente il più frequente. Circa il 60% della popolazione presenta un’attività dei muscoli masticatori durante il sonno, ma soltanto nell’8% della popolazione mondiale si può parlare di bruxismo. La prevalenza del bruxismo nella popolazione presenta valori molto variabili e sembra essere correlata all’età: il bruxismo nei bambini e tra il 14% e il 20% nelle persone giovani di 18- 29 anni è del 13%, negli adulti invece è il 9%, mentre negli over 65 anni è solitamente del 3%.

Le cause del bruxismo

Studi moderni supportano l’ipotesi multifattoriale della genesi e patogenesi, esistono sempre maggiori conferme che il bruxismo faccia parte di una risposta neurologica. A questo si aggiungono altri fattori come l’ansia e lo stress, fattori psicologici, assunzione di sostanze come l’extasi, l’alcol, la caffeina e il tabacco. Inoltre, malattie sistemiche e l’assunzione di farmaci possono favorire l’insorgere di questa patologia.

Possiamo dunque considerare il bruxismo come un disturbo del sonno legato ad uno stato emotivo o a patologie che caratterizzano il disturbo del movimento della mandibola che compromette la qualità del sonno.

I rimedi e i trattamenti contro il bruxismo

Attraverso il trattamento osteopatico è possibile andare ad agire sui meccanismi neurofisiologici che provocano il bruxismo. In particolare, il medico manipolerà:

  • Tutta la muscolatura masticatoria, andando a ridurre l’ipertono;
  • Agirà sulle suture del cranio, per ottenere effetti regolatori sul sistema nervoso autonomo;
  • La regione cervicale per aumentare la risposta parasimpatica;

Queste tecniche permettono di agire sui fattori quali l’ansia e lo stress, diminuendo così lo stato di ansia cronica nel paziente.

È molto importante che il paziente che soffre di bruxismo si rivolga ad uno specialista, come il Dott. Stefanelli, che potrete contattare cliccando qui!

Cookie Policy -  Privacy Policy